Recensioni e poesie dei lettori

La mia debolezza,

i punti di rottura.

Dieci aghi sono

la misura del mio dolore,

la pancia ha pareti d’argento.

Gli occhi della ragazza

nera, sembrano due alabastri.

 Gettarsi su un campo aperto

senza più un nucleo,

sganciati dal centro.

Proiezioni,

illusioni fameliche

d’un tempo che precipita.

Ed io mi precipito, che peccato,

questa mia debolezza!

Domenica pomeriggio,

un senso di vuoto mi assale.

Precipito,

come una palla di piombo,

senza più rimbalzare.


Poesia di Mariatina Alò

 

 email2png